Another Dangerous RU-y2k Project presenta:
  BAR PARADISO
Ovvero, la ferocia del banale!
(Perché accade sempre ai migliori?)
...And then there were two...
My Sweet George!
(Vista la qualità della musica che rimane... che ci resta da fare? Morire anche noi?)
 (Meta-notizie dal Tiggì-Urlo)
Dilemmi del terzo millennio risolti in diretta su
Bar Paradiso.net!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
 
 

Che ti succede? Perché piangi?

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
 

E' morto l'ex Beatles George Harrison!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
 
 

Come è possibile? Io continuo a sentire la sua canzone... "Something"...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 

Ho capito, ho capito... La mia generazione è stata già abbastanza fortunata ad avere per colonna sonora, un musicista come lui! ...Ma ora ti dispiace se ci pensi tu a dire addio a George? Non so perché ma da qualche parte, dentro di me, qualcosa inizia a piangere.





 

 

 

 

 

 





 

 

 





















 



Forse, se smettessi di servire quel tuo caffé così schifoso, smetterebbero di piangere, da qualche parte, anche i tuoi avventori!
LEGGI IL COMMENTO FINALE!
©  Another Dangerous RU-Y2K Project


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

The Final Cut
George Harrison è morto: i Beatles sono stati, seppure nel loro breve periodo di massimo fulgore, il più grande fenomeno musicale popolare del secolo passato. Ogni possibile commento sulla morte di questo discreto artista è inutile e tautologico. Dobbiamo dunque rassegnarci alla disgustosa qualità della musica  attuale? Questo periodo verrà sicuramente ricordato o dimenticato come uno dei peggiori, sia dal punto di vista artistico, sia dal punto di vista dei contenuti... ma già, i giovani consumano quello che la cultura dei padri ha creato e, quel che dovrebbe stupire od allarmare, è questa dicotomia fra musica e ragione economica.
Ma nessuno si stupisce e tutti consumano quel che viene loro offerto, senza nessun accenno critico.
Prevale il pensiero unico, anche in tema musicale.
E così si resta soli.

Addio a George Harrison

Mi si perdoni il silenzio: qualsiasi parola detta andrebbe sprecata.
Quando un uomo od anche solo una delle sue opere è troppo grande è  segno che gli altri, tutti noi, siamo troppo piccoli per descriverlo.

Non è vero che ci sentiamo più soli ma in segreto lo vorremmo. Questo è il nostro limite.
Possiamo fare a meno di lui e della sua musica. Ma non possiamo fare a meno di vivere.
Ed è solo la musica che ci trattiene dalla barbarie, o solo ce ne ricorda la prossimità?

Bach, Wagner, Beethowen, Mozart, Vivaldi, Sollazzi, sono stati Grandi Musicisti:
Harrison, solo un Piccolo Maestro. Nessuna lezione da loro abbiamo raccolto perché noi non abbiamo ascoltato che noi stessi, perché Noi, in fondo, siamo la barbarie.

***
 

Back to
 
 
 
 
 
 


mail to: Another Dangerous RU-y2k Project
UNA RISPOSTA PER TUTTE LE STAGIONI!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 fine della pagina!
Another Dangerous RU-y2k Project @